specchio

    Storia -

    Lo specchio - il riflesso del passato e del presente

    Contenuto

    Lo specchio è un'accessorio che risale addirittura a 2000 anni prima dell'avvento di Cristo. Lo specchio ha avuto numerose forme e usi, a seconda del tempo e dello stile decorativo del momento. In tempi antichi lo specchio erano fatto con strati convessi di argento o rame fusi, ma queste prime copie non erano soddisfacenti perchè il il contatto con l'aria e l'acqua rendeva col tempo la superficie opaca. Il primo specchio di vetro fu realizzato in una piccola isola italiana vicino Venezia chiamata Murano, da due artigiani conosciuti col nome di Andrea e Domenico. Lo specchio è sempre il testimone del riflesso del nostro passato, presente e futuro e sempre ci porterà i alla mente i migliori ricordi e allo stesso tempo ci prepara per il futuro.

    Il Riflesso della Storia

    La storia dello specchio

    Questa invenzione è datata circa intorno all'anno 1507 e fin dalla sua prima produzione, questo accessorio è diventato è un pezzo molto prezioso e il suo prezzo era piuttosto alto, considerata la sua grande utilità. Per molti anni i veneziani hanno custodito gelosamente i segreti della fabbricazione di questo oggetto. Addirittura, era in vigore una legge che prevedeva che chiunque avesse diffuso i le tecniche per la fabbricazione dello specchio sarebbe stato punito con la morte.

    Specchio Magellano>

    Lo specchio oggi

    In tempi moderni, lo specchio ha caratteristiche che vanno ben oltre l'uso estetico. Gli specchi durante il corse degli anni sono risultati molto utili alla scienza e all'astronomia grazie alla loro capacità di poter osservare oggetti rimpiccioliti o ingranditi. Insomma, nel corso della storia lo specchio ha conosciuto gli usi più disparati, molto diversi da quelli presenti nell'immaginario comune e moderno.

    Specchio Justine> Specchio Juliet>

    Il design dello specchio

    La storia del design dello specchio

    Lo specchio da interior design nel passato era utilizzato soltanto dalla nobiltà e dall'aristocrazia ed era simbolo di sfarzo ed opulenza. Erano specchi di altissima qualità, con dei design raffinati, magari pieni di pietre preziose, con cornici di legno intarsiato. Erano utilizzati principalmente come decorazioni. Non era difficile trovare in un'abitazione aristocratica del passato anche 5 o 6 specchi per stanza. Durante il medioevo gli specchi erano realizzati con lo stagno e questo ha innescato un commercio molto fiorente per questo metallo in quel periodo. Come detto in precedenza, vennero creati in seguito per la nobiltà anche modelli molto preziosi fatti di oro e pietre preziose. Questi oggetti diventarono dei veri e propri gioielli. Durante il Rinascimento, l'Italia deteneva il monopolio nella creazione del vetro per lo specchio.. Per questo motivo fu abbastanza difficile rovesciare questo monopolio e la diffusione dello specchio in tutta Europa fu abbastanza difficile.

    Specchio stile Triptych>

    Lo specchio nella storia europea

    La qualità dello specchio di origine italiana nasceva dal talento eccezionale e dalle abilità dei mastri vetrai di Murano, che padroneggiavano sia la creazione del vetro sia quella del metallo. I risultati erano eccezionali e sorprendenti. Questi modelli erano caratterizzati dalle forme geometriche ed i bordi smussati, mentre i telai erano realizzati in metallo modellato o a volte in legno di noce. Nel XVI secolo, l'artigiano vetraio francese Saint-Gobain fu colui che realizzò gli specchi per la reggia di Versailles, in particolare per la famosissima e conosciutissima Sala degli Specchi.,

    Specchio Rue du Théatre> Specchio Matka>

    Lo specchio con decorazioni

    Lo specchio in Francia

    Lo specchio in Francia era un oggetto destinato esclusivamente alla nobiltà ed all'aristocrazia ma al giorno d'oggi è un oggetto comunissimo, praticamente presente in tutte le nostre case. Non vengono utilizzati soltanto nei bagni o negli ingressi ma anche in tutte le altre stanze per dare luminosità ed una sensazione di spaziosità. Molti specchi, quindi, sono utilizzati come decorazioni e ancora oggi è possibile trovare modelli con cornici intarsiate in legno e con motivi floreali. Lo Stile neoclassico ha cominciato a lasciare il segno nel XVIII secolo e attraverso il tempo il design dello specchio si è andato via via semplificando fino a raggiungere una certa stabilità e continuità.

    Specchio arancione Aurinko>

    Come decorare con uno specchio?

    Uno specchio è divenuto un accessorio fondamentale per dare stile ad un arredamento e dare un carattere definito ed originale ad una casa. Non soltanto servono a riflettere le immagini e sistemarci i capelli prima di uscire di casa, sono anche delle preziose fonti di luce. Per una camera da letto si consiglia uno specchio da terra mentre per un bagno possono andare bene i più classici ma sempre funzionali specchi a parete. In un soggiorno, uno specchio con forme geometriche differenti, magari triangolari, rotonde, rettangolari o addirittura con forme irregolari, potrebbe essere una soluzione d'arredo davvero originale. Normalmente, se si ha ha disposizione una parete molto grande ed uno specchio relativamente piccolo si potrebbe continuare a decorare l'arredamento con altri mobili come tavoli, armadi, quadri o lampade, al fine di non creare un effetto negativo con uno specchio solitario su una grande parete.

    Specchio Emily> Specchio quadrato Lena>

    Migliori vendite

    #ProudofPIB

    • Lampada da tavolo PIB
    • La panca scandinava PIB contestualizzata
    • Tazze Ferm Living a colazione
    • Tavolo basso in marmo scandinavo
    • Mobile TV scandinavo PIB
    • PIB nei vostri bagni
    • Sgabelli industriali con sedile in pelle
    • Aperitivo intorno ad un ripiano in legno massiccio
    • Specchio scandinavo PIB da muro
    Contattaci