0

un nouveau
style de vie

4,8/5,0Soddisfazione del cliente senza eguali
Assistente
personale

- VENDITE INVERNALI -

Fino al 30% di sconto sui nostri mobili e accessoriApprofittane fino ad esaurimento scorte
STILE INDUSTRIALE

STILE INDUSTRIALE

Lo stile industriale, chiamato anche industrial chic, industriale moderno, nel design d'interni è una tendenza estetica che può essere fatta risalire alla metà del XX secolo, probabilmente a New York City con il movimento degli appartamenti loft negli anni 60. Lo stile è tornato intorno alla fine degli anni 2000 e ancora molto di moda da allora per una buona ragione.

Caratteristiche

Tra i muri di mattoni a vista con alti soffitti e grandi finestre, travi di legno a vista e installazioni metalliche, l'open space è generoso e arioso per avere tutto in un posto, un posto per cucinare e un posto per mangiare, un posto per dormire e un posto per rilassarsi. Era molto diverso dagli altri stili architettonici e di decorazione dell'epoca e ancora oggi il suo fascino rilassato si mantiene inalterato.

La sua natura grezza e onesta è particolarmente attraente per coloro che desiderano uscire dalle tendenze moderne prodotte in serie, offrendo un approccio off-grid che onora la storia e il valore dello spazio, abbracciandolo per quello che è. La funzionalità e l'efficienza originali dei magazzini, delle fabbriche e di altri edifici industriali di una volta sono celebrate e accentuate con l'uso del legno e del metallo nei mobili, nell'illuminazione e nella decorazione dello stile simile.

Metalli come il ferro, il rame, le lattine, l'acciaio, l'alluminio si abbinano perfettamente allo stile industriale.

Metalli come il ferro, il rame, le lattine, l'acciaio, l'alluminio si abbinano perfettamente allo stile industriale.

Pareti nude, installazioni metalliche e mobili non lucidati danno un carattere forte a uno spazio abitativo.

Pareti nude, installazioni metalliche e mobili non lucidati danno un carattere forte a uno spazio abitativo.

“Nei vagoni e nelle automobili, il metallo ha gradualmente eliminato il legno. Sarà lo stesso, un giorno più o meno lontano, nell'arredamento domestico? Vedremo mobili interamente in metallo...?”

Léon Déshairs, Art et Décoration, 1927

Origine e sviluppo dell'architettura industriale

I primi spazi industriali furono costruiti alla fine del 1700 durante le prime rivoluzioni industriali con una sola visione in mente: efficienza e sicurezza. Dovevano essere semplici, utilitaristici e poco costosi per facilitare e snellire il lavoro e abbassare i costi di produzione. Il muro di mattoni nudi non offriva fronzoli. La pianta aperta con strutture interne strette economizzava lo spazio usato per ogni lavoratore. Le grandi finestre permettevano alla luce naturale di entrare per risparmiare sulle spese di illuminazione. Le forti preoccupazioni sulla sicurezza di un ambiente di lavoro così condensato da incendi ed esplosioni sostenute dalle compagnie di assicurazione contribuirono anche ai tetti piatti, alle facciate austere, allo spazio aperto senza alcuna caratteristica ornamentale che evitava le trombe delle scale che fiancheggiavano gli edifici e qualsiasi altra ostruzione durante la soppressione degli incendi.

Alla fine della seconda rivoluzione industriale, all'inizio del 1900, i nuovi progressi nelle tecnologie e i nuovi modi di produrre energia come la combustione del carbone portarono alla nuova richiesta di una costruzione aggiornata dei siti industriali. Grazie ad Albert Kahn, uno degli architetti più influenti nel design industriale, gli stabilimenti beneficiarono dell'introduzione del cemento e dell'acciaio.

Le finiture originali che mostrano i segni del tempo sono rispettate e apprezzate.

Le finiture originali che mostrano i segni del tempo sono rispettate e apprezzate.

In questo mondo

Fascino indutriale degli anni 20-30 - Schema di stile

Negli anni 20-30, grazie ai moderni metodi di produzione, i mobili in metallo presero piede nel paesaggio urbano.

Industrial Chic dopo la seconda guerra mondiale - Schema di stile

Crea un soggiorno elegante e raffinato con il robusto stile industriale adattato dopo la seconda guerra mondiale.

Elementi di stile

Tutte le evoluzioni architettoniche hanno portato all'aspetto "non finito" dei pavimenti in cemento nudo, dei mattoni a vista, delle condutture visibili e dei tubi di ferro, che alla fine sono diventati i caratteri iconici dello stile, oggi molto amati e apprezzati.

  • Disposizione aperta con spazi creati dal posizionamento dei mobili
  • Elementi strutturali e meccanici esposti: tubature esposte, tubi di ventilazione, travi e pali di sostegno e pavimenti in legno o cemento
  • Finestre grandi e semplici (spesso dal pavimento al soffitto) per massimizzare la luce naturale
  • Metallo, legno e materiali naturali: lattine, ferri, acciai, alluminio, rame, pietre, legni, cuoio
  • Tavolozza di colori neutri: neri, grigi, bianchi, marroni e abbronzati
  • Mobili squadrati, spigolosi, a blocchi, con pochi pezzi audaci e accessori limitati
  • Grandi elementi componibili: essenziali per dividere, definire gli spazi e assicurare i flussi naturali

Mobili in stile industriale

I mobili in stile industriale prendono il nome dal loro scopo originale, quello di sostenere la funzionalità e la produzione di massa dell'industria manifatturiera. Datato già nel 1760 in Gran Bretagna, il suo stile era progettato per essere semplice, economico, pratico, facile da produrre, usare e mantenere, e fatto per resistere a condizioni dure in ambienti di lavoro laboriosi. Era semplicemente parte del lavoro quotidiano. Eppure oggi è molto apprezzato per le stesse qualità rustiche e grezze. Le caratteristiche principali dei mobili in stile industriale sono:

  • Funzioni e forma ben sposate, vecchio e nuovo, elementi "alti e bassi" combinati
  • Recuperato o modellato su vecchi mobili di fabbrica
  • Materiali grezzi, con una vernice afflitta o una superficie non lucidata per una sensazione di non rifinito
  • L'artigianato è onorato
  • Approccio ecologico in quanto incoraggia l'uso di materiali riciclati o di recupero

Evoluzione dello stile

  • Fine del 19° - Inizio del 20° secolo - uso esclusivo nelle grandi fabbriche
  • Anni '20 - '30 del XX secolo - installazione nel paesaggio urbano
  • Dopo la seconda guerra mondiale - invito alla casa
  • High Tech - deviazioni e reinvenzioni contemporanee

Fine del 19° - Inizio del 20° secolo - uso esclusivo nelle grandi fabbriche

I mobili industriali del XIX secolo sono esclusivamente dedicati all'uso delle fabbriche. I materiali sono robusti e massicci e il design è semplice e funzionale. Il legno e il metallo sono i principali materiali utilizzati nello stile industriale. Durante questa rivoluzione industriale, un movimento decorativo ha trovato il posto con il motto: manutenzione e adattabilità.

Gli anni '20 - '30 del XX secolo - installazione nel paesaggio urbano

La democratizzazione e il primo uso dei mobili in stile industriale iniziano nel periodo del dopoguerra. Questo fu possibile grazie alle manifatture e all'adattamento dell'uso personale e domestico dei mobili in metallo. Fino a quel periodo le casalinghe preferivano i mobili in legno. Poiché il cambiamento dei mobili in metallo era abbastanza grande, all'inizio la gente metteva il legno sulle superfici di seduta e sugli schienali dei loro mobili. Questo rendeva il contrasto con i mobili in metallo un po' meno forte e rendeva più facile per la gente adattarsi a quel diverso stile di mobili.

Dopo la seconda guerra mondiale - invito a casa

La democratizzazione e il primo uso di mobili in stile industriale iniziano nel periodo del dopoguerra. Questo fu possibile grazie alle manifatture e all'adattamento dell'uso personale e domestico dei mobili in metallo. Fino a quel periodo le casalinghe preferivano i mobili in legno. Poiché il cambiamento dei mobili in metallo era abbastanza grande, all'inizio la gente metteva il legno sulle superfici di seduta e sugli schienali dei loro mobili. Questo rendeva il contrasto con i mobili in metallo un po' meno forte e rendeva più facile per la gente adattarsi a quel diverso stile di mobili.

High Tech - deviazioni e reinvenzioni contemporanee

La tendenza dello stile deco industriale high-tech trabocca nei loft di New York degli anni 80. Questo stile si diffonde massicciamente attraverso il nuovo uso di vecchi mobili da officina. A causa del fiorire del 'deco high tech' i mobili contemporanei adattano le caratteristiche dello stile industriale. Per esempio, la ghisa, la lamiera rivettata e la patina. Inoltre, i mobili industriali sono utilizzati con una finitura moderna, e il colore è spesso aggiunto, questo fa una differenza rispetto ai mobili industriali originali.

Confronto con altri stili

Gli articoli in stile industriale sono spesso recuperati, riciclati e riutilizzati, molti di loro sono pezzi d'epoca. Ma a differenza dello Shabby Chic, dove gli articoli vintage sono elaborati con motivi floreali, con curve e angoli arrotondati, con morbidezza e femminilità, lo stile industriale emana un'atmosfera utilitaristica, senza fronzoli, con linee dritte e forme chiaramente angolari. Nulla dovrebbe gridare l'attenzione, essere sopra le righe o stravagante.

A questo, lo stile dovrebbe anche essere distinto dal minimalismo. Anche se condivide diversi principi come concentrarsi sulla qualità piuttosto che sulla quantità, un numero minimo di accessori, lo stile industriale può impiegare un approccio minimale ma il suo fine non si traduce sempre in una semplicità sobria e austera. Può giocare molto su texture e materiali senza andare prodigo né sacrificare il calore e il comfort.

4,8/5,0Soddisfazione del cliente senza eguali
Assistente
personale

- VENDITE INVERNALI -

Fino al 30% di sconto sui nostri mobili e accessoriApprofittane fino ad esaurimento scorte