0

un nouveau
style de vie

4,8/5,0Soddisfazione del cliente senza eguali
Assistente
personale

- VENDITE INVERNALI -

Fino al 30% di sconto sui nostri mobili e accessoriApprofittane fino ad esaurimento scorte
STILE INTERNAZIONALE

STILE INTERNAZIONALE

mobili in stile internazionale sono stati riconosciuti come uno stile moderno dagli anni 30 agli anni 50, ponendo basi importanti per il modernismo del dopoguerra nel design della metà del secolo (anni 50 - inizio anni 60)

Modernismo

Le Corbusier (Charles-Édouard Jeanneret-Gris) disse una volta: "Spazio e luce e ordine. Sono cose di cui gli uomini hanno bisogno tanto quanto il pane o un posto per dormire". Questa citazione del famoso architetto, decoratore, artista e urbanista svizzero, riassume le caratteristiche più importanti dell'International Style, il movimento architettonico di spicco del XX secolo, di cui lui stesso fu uno dei pionieri insieme a Walter Gropius e Mies van der Rohe. Lo stile enfatizza il volume dello spazio usando la struttura e permettendo alla luce di inondare attraverso le finestre di vetro a cortina, crea l'illusione della linea sfumata tra gli spazi interni ed esterni. Usando una serie di regole principali specifiche, quasi fisse, si apprezzava la capacità di creare ordine e unità universale. Divenne anche lo stile dominante dell'architettura del XX secolo per gli edifici istituzionali e commerciali, e sostituì anche gli stili storici tradizionali per le scuole e le chiese.

Spesso soprannominato "architettura moderna" o "modernismo", il termine attuale di Stile Internazionale fu coniato nel 1932 dal giovane storico Henry-Russell Hitchcock e dall'architetto Philip Johnson in una mostra organizzata dal Museum of Modern Art (MoMA) di New York City che presentava le opere di vari architetti europei e alcuni americani il cui stile poteva essere raggruppato sotto l'ombrello di una nuova direzione verso il modernismo, liberandosi di tutti i vecchi valori senza riferimenti ad alcun periodo precedente.

Inizio dello Stile Internazionale - L'Unité d'habitation a Marsiglia

Inizio dello Stile Internazionale - L'Unité d'habitation a Marsiglia

Interno di Edward J. Flavin House - Richard Neutra Architect 1957

Interno di Edward J. Flavin House - Richard Neutra Architect 1957

“La casa dovrebbe essere lo scrigno dell'abitare.”

Le Corbusier

Una breve storia

Dopo la prima guerra mondiale, la società occidentale si diresse costantemente verso la direzione industrializzata e meccanizzata. Questi fattori richiedevano un approccio più utilitaristico, onesto ed economico per l'architettura che si basava duramente sulle nuove tecnologie industriali per materiali più economici, facili e veloci da produrre in massa. In Europa, il movimento moderno in architettura era stato chiamato Funzionalismo o Neue Sachlichkeit (Nuova Oggettività), L'Esprit Nouveau (Nuovo Spirito), o semplicemente Modernismo ed era molto interessato all'incontro tra una nuova forma architettonica e una riforma sociale, creando una società più aperta e trasparente. Più tardi comunemente conosciuto come "International Style", chiamato da Hitchcock e Johnson, si era sviluppato nell'Europa occidentale del 1920, plasmato dalle attività del movimento olandese De Stijl, Le Corbusier, il Deutscher Werkbund e il Bauhaus.

Dopo la seconda guerra mondiale, dato che molte città distrutte avevano bisogno di una ricostruzione veloce ed economica, l'International Style fu una scelta molto adatta in quanto offriva la possibilità di avere molti piani all'interno dello stesso edificio, usando materiali prodotti in massa con nuove tecnologie di costruzione e notevoli vantaggi economici, molti governi optarono per questo tipo di architettura per ricostruire le loro città. Negli anni 50 e 60, l'International Style era stato perfezionato e divenne l'architettura nazionale "non ufficiale" negli Stati Uniti e in Canada.

Negli anni '70, l'International Style era così dominante che perse il suo fascino universale. Come diceva il proverbio: "Scendi da un aereo negli anni '70 e non sai dove sei". Facciate denudate, mancanza di privacy, privazione della bellezza e dell'individualità, fu anche accusato di ostacolare il senso di comunità e solidarietà, approfondendo la disparità tra le persone che vivevano dentro scatole di vetro. Alla fine del decennio, il modernismo e l'International Style erano finiti e il postmodernismo prese piede.

Seagram Building, New York, di Mies Van der Rohe

Seagram Building, New York, di Mies Van der Rohe

In questo mondo

Carisma internazionale - Schema di stile

Con un'aria fresca di spazio moderno e luce, lo stile internazionale è rilevante e seducente come lo è sempre stato.

Carisma internazionale - Schema di stile

STILE INTERNAZIONALE - 04-Aug-2021

I pionieri dello Stile Internazionale includevano un gruppo di architetti brillanti e originali negli anni venti che hanno raggiunto un'enorme influenza nel loro campo:

  • Walter Gropius (1883-1969) in Germania
  • J.J.P. Oud (1890-1963) in Olanda
  • Le Corbusier (1887-1965) in Francia
  • Richard Neutra (1892-1970), Ludwig Mies van der Rohe (1886- 1969) e Philip Johnson (1906-2005) negli Stati Uniti

Principi dello Stile Internazionale

Nel catalogo 'Architettura Moderna: International Exhibition" e il libro "The International Style: Architecture Since 1922' scritto per la mostra, Hitchcock e Johnson identificarono i tre principi dello stile:

  • espressione del volume piuttosto che della massa
  • regolarità derivante da elementi standardizzati con un'enfasi sull'equilibrio piuttosto che sulla simmetria preconcetta
  • 'attenzione alle proporzioni e ai materiali che esclude l'ornamento applicato arbitrariamente

Le caratteristiche più comuni degli edifici in Stile Internazionale sono: :

  • Forme rettilinee
  • Luce
  • Superfici lisce e decorate, prive di ornamenti applicati
  • Spazi interni aperti, anche fluidi
  • Estetica della macchina
  • Accettazione di tecniche di produzione di massa industrializzate
  • Adozione di vetro, acciaio e cemento come materiali preferiti
  • Uso della costruzione a sbalzo.
  • Trasparenza degli edifici e delle costruzioni, definita come espressione onesta della struttura

Il design industriale International Style era sotto la forte influenza del Bauhaus, di Le Corbusier e del De Stijl e rimase fedele ai loro elementi onesti, economici e utilitaristici. Infatti, la maggior parte dei mobili presenti nell'edificio di questo stile durante il loro periodo d'oro furono creati da maestri di queste scuole. Gradualmente, una versione ampliata dello Stile Internazionale del design industriale moderno, conosciuta in generale come "buon design" guadagnò un'ampia accettazione negli ultimi anni Trenta e dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale, incorporando standard di equilibrio tra espressione individuale, moderazione e praticità. Il MoMA da allora sostenne un nuovo principio per il design industriale basato sull'adeguatezza allo scopo, al materiale e al processo di produzione, tutti questi furono espressi nella sua Machine Art Exhibition (1934) e incarnati nei prodotti domestici scelti per una serie di mostre itineranti.

Ludwig Mies van der Rohe, uno dei tre architetti pionieri che hanno portato avanti l'universalità e la praticità dello Stile Internazionale

Ludwig Mies van der Rohe, uno dei tre architetti pionieri che hanno portato avanti l'universalità e la praticità dello Stile Internazionale

4,8/5,0Soddisfazione del cliente senza eguali
Assistente
personale

- VENDITE INVERNALI -

Fino al 30% di sconto sui nostri mobili e accessoriApprofittane fino ad esaurimento scorte